Giornata Mondiale della Poesia: a che serve?

21 marzo: come ogni anno si celebra nel mondo intero la Giornata Mondiale della Poesia, una ricorrenza stabilita dall’UNESCO, sulla falsariga di una tradizione che individuava la giornata celebrativa dell’Ars Poetica il 15 ottobre (presunta data di nascita di Virgilio) o comunque nel periodo tra ottobre e novembre (a seconda delle usanze).
Una ricorrenza inutile se ridotta a mera celebrazione senza  prospettiva, un importante momento di aggregazione per il territorio se attorno a questa data viene articolata una serie di attività, promosse dalle istituzioni come dai cittadini.
Per farsi una idea precisa di cosa si intende, basta volgere lo sguardo non troppo lontano, ai cugini spagnoli, che in ogni area geografica approfittano per proporre un programma di attività completo e diffuso sul territorio, in modo da coinvolgere la cittadinanza con un sistema di eventi o catalizzando l’attenzione attorno ad un evento principale, che fa dal centro di una ‘galassia poetica partecipativa’. Accludiamo qui di seguito i link di riferimento per consentire di poter verificare quanto diciamo.
> Madrid – LINK
> Catalogna – LINK
> Bilbao – LINK
> Pamplona – LINK
Un interessante esempio di organizzazione “orizzontale” viene dagli scrittori andalusi, che in occasione del 21 marzo propongono un Manifesto Poetico da sottoscrivere (LINK), o ancora – andando più lontano, significativo è l’impegno degli scrittori nicaraguensi (LINK) nel voler regalare un significato attivo e propositivo alla giornata.
Particolarmente interessante poi l’esempio della Jamaica, con tutta la nazione a celebrare la festa della Poesia secondo un quadro di intenti più che esauriente, secondo cui il 21 marzo è indicata come occasione per:
– un impulso alla piccola editoria che combatte per inserire nel mercato editoriale nuove opere di giovani poeti
– un ritorno alla tradizione orale – alla performance dal vivo – ritenuta una modalità di proposizione della poesia capace di attrarre pubblico
– uno stimolo al dialogo tra la poesia e le altre arti, come teatro, danza, musica, pittura ecc.- e con altri temi topici della cultura come pace, non violenza, tolleranza….
aggregare lo spirito affine delle discipline artistiche, partendo dal pensiero di Delacroix: “Non c’è arte senza poesia”
migliorare la dimensione mediatica della poesia, regalandole visibilità e una dimensione contemporanea.
Per leggere dell’approccio jamaicano, andate al LINK.
In Francia invece hanno pensato la cosa su tempi lunghi: La Primavera dei Poeti (LINK)dall’otto al (fatidico)  21 marzo, una piattaforma aperta a chiunque voglia organizzare qualcosa. Leggiamo ed impariamo!

Annunci

3 risposte a “Giornata Mondiale della Poesia: a che serve?

    • Caro Mario, per quello che so praticamente nulla, ma sarei ben contento di ricevere notizie differenti da voi amici. Il post vuole essere innanzitutto un monito per l’anno prossimo: organizziamoci ed organizziamo! Credo che la cultura del “fare” sia essenziale….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...