Ben Essere: (anche) la cultura migliora la qualità della vita

Il Welfare Culturale e Napoli Città’ della Letteratura
15-16 settembre 2012, Villa Comunale di Napoli
La filosofia: impatto sociale ed economico
La cultura, intesa come consumo culturale e attività culturali, migliora la qualità della vita. Lo dimostrano studi in via di definizione effettuati da diverse prestigiose istituzioni accademiche e scientifiche europee (e non solo). In Italia focalizzato sulla questione è lo IULM di Milano in particolare. 
L’impatto positivo è misurabile in termini economici, viste le ricadute dirette ed indirette che le politiche culturali sono in grado di generare. Si è dimostrato che la cultura è salute, in quanto le persone esposte a stimoli di natura culturale – in particolare nella terza età – vivono più a lungo diminuendo inoltre il tasso di ospedalizzazione medio, con effetti importanti sulla spesa corrente del settore sanitario. Il coinvolgimento (attivo e passivo) nelle attività culturali produce meccanismi di inclusione sociale, andando ad incidere in maniera positiva sulle spese relative a tale ambito. Altre ricadute importanti toccano indicatori sensibili come la sensibilizzazione alla raccolta differenziata dei rifiuti ed altre tematiche di interesse comune e corrente.
La cultura è un investimento di medio e lungo termine, una risposta concreta alla crisi, in termini sociali ed economici, e diventa quindi uno dei principali strumenti di realizzazione delle politiche di welfare, di quello stato sociale che assiste e sostiene gli standard di qualità della vita dei cittadini. È un approccio che viene definito, negli studi nazionali ed internazionali, Welfare Culturale per l’appunto.
Le attività’
In occasione di Ben Essere Napoli Città della Letteratura, seguendo la vocazione di Città Creativa secondo i parametri dell’UNESCO, propone quindi uno stand di contatto con il pubblico per l’informazione circa le prossime attività di divulgazione del prodotto culturale editoriale indipendente, di creazione letteraria collettiva e di incentivazione della lettura.
Ancora, all’interno della manifestazione è previsto un evento con reading dei testi prodotti dal progetto Le Città Visibili, un laboratorio di scrittura collettiva realizzato per l’Associazione “Circolo Artistico Politecnico” che ha visto coinvolti oltre 250 autori esordienti, emergenti e già affermati, e che ha ottenuto – insieme ad altri pochissimi progetti – il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana UNESCO.

Ecco il link alla pagina dedicata sul sito del Comune di Napoli.

Clicca qui per Ben Essere a Napoli – comunicato e programma

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...